Canti e preghiere 31 ottobre 2021

1 novembre 2021

SOLENNITA’ DI
TUTTI I SANTI

SANTI SPOSI Luigi (1880-1951) e Maria (1884-1965) Beltrame Quattrocchi

ELENCO DEI CANTI

01- ACCLAMIAMO A DIO
02- ACCOGLI I NOSTRI DONI
03 – ADORO TE
04- ANNUNCIAMO AL MONDO
05 – AVE MARIA
06- BEATI
07- BEATI QUELLI
08- BEATI QUELLI CHE ASCOLTANO
09- BEATO CHI MANGIA IL TUO PANE
10- CHIESA DI DIO
11- DOVE DUE O TRE
12 – DOVE VITA E’ DAVVERO
13 – GRANDI COSE
14 – I CIELI NARRANO
15 – IL DISEGNO
16- IN QUESTO PANE CI SEI TU
16 bis – LAUDATO SII
17 – LO SPIRITO DEL SIGNORE È SU DI ME
18 – LUCE DI VERITA’
19 – MANNA DI LUCE
20 – MARIA, SEI L’UNICO FIORE
21 – MARIA, VOGLIAMO AMARTI
22 – OGGI CI HAI CHIAMATI
23- PANE DEL CIELO
24- PANE DI VITA
24 bis – PREGHIERA
25 – PREGHIERA A MARIA
26 – QUELLO CHE ABBIAMO UDITO
27- SALVE REGINA
28- SEI TU, SIGNORE, IL PANE
29- SERVIRE E’ REGNARE
30 – SONO CON VOI
31 -TE AL CENTRO DEL MIO CUORE
32 – TRASFORMI IN GESU’
33- TU SEI
34 – VERBUM PANIS
35 – VERSO L’ALTARE

01- ACCLAMIAMO A DIO

Acclamiamo a Dio con canti di gioia,
acclamiamo a Dio con esultanza.
Cuori e mani pure leviamo al cielo,
rendiamo grazie al Signore.

A te veniamo con gioia per ringraziarti, Signore.
La tua Parola ci invita a un nuovo incontro con te.

Tu ci accogli, Signore, per ricolmarci di grazia.
Tu ci riveli il tuo amore, vuoi dimorare con noi.

A te innalziamo la lode, benediciamo il tuo nome.
Tu sei la nostra salvezza, tu sei la vita per noi.

A te guardiamo con fede, on tutto il cuore ti amiamo.
Resta con noi nel cammino, regna, Signore, tra noi.

02- ACCOGLI I NOSTRI DONI

Accogli i nostri doni, Dio dell’universo,
in questo misterioso incontro col Tuo Figlio.
Ti offriamo il pane che Tu ci dai: trasformalo in Te, Signor.

Benedetto nei secoli il Signore,
infinita sorgente della vita.
Benedetto nei secoli, benedetto nei secoli.

Accogli i nostri doni, Dio dell’universo,
in questo misterioso incontro col Tuo Figlio.
Ti offriamo il vino che Tu ci dai: trasformalo in Te, Signor.

03- ADORO TE

Sei qui davanti a me, o mio Signore,
sei in questa brezza che ristora il cuore,
Roveto che mai si consumerà,
presenza che riempie l’anima.

Adoro Te, fonte della Vita,
adoro Te, Trinità infinità.
I miei calzari leverò su questo santo suolo,
Alla presenza Tua mi prostrerò.

Sei qui davanti a me, o mio Signore,
nella tua grazia trovo la mia gioia.
Io lodo, ringrazio e prego perché
il mondo ritorni a vivere in Te.

04- ANNUNCIAMO AL MONDO

Andiamo con gioia ad annunciare al mondo
il nuovo cammino dell’umanità: i popoli uniti
in una sola famiglia… È il sogno di Dio non si fermerà.
È il regno di Dio che in noi vive già.

Gente in cammino sulle strade del mondo
in cerca di amore e solidarietà:
negli occhi speranze di una vita migliore
e voglia di fraternità.

Migrano i semi sulle ali del vento: con loro una nuova vita fiorirà.
L’uomo che migra sulle ali del tempo i popoli nuovi farà.

Cuori che sognano una storia d’amore,
nuovi orizzonti per l’umanità, mani che scrivono
una storia di pace, disegnano il mondo di Dio.

05 – AVE MARIA

Ave Maria, ave. Ave Maria, ave.

Donna dell’attesa e madre di speranza, ora pro nobis;
donna del sorriso e madre del silenzio, ora pro nobis;
donna di frontiera e madre dell’ardore, ora pro nobis;
donna del riposo e madre del sentiero, ora pro nobis.

Donna del deserto e madre del respiro, ora pro nobis;
donna della sera e madre del ricordo, ora pro nobis;
donna del presente e madre del ritorno, ora pro nobis;
donna del terra e madre dell’amore, ora pro nobis.

06- BEATI

Se un uomo vive oggi nella vera povertà,
il regno del Signore dentro lui presente è già.
Per voi che siete tristi e senza senso nella vita
c’e’ un Dio che può donarvi una speranza nel dolor.

Beati voi, beati voi, beati voi, beati!

Voi che lottate senza la violenza e per amore,
possiederete un giorno questa terra, dice Dio.
Voi che desiderate ciò che Dio vuole per noi,
un infinito all’alba pioverà dentro di voi.

E quando nel cuore nasce tanta compassione,
è Dio che si commuove come un bimbo dentro te.
Beati quelli che nel loro cuore sono puri,
già vedono il Signore totalmente anche quaggiù.

Beato chi diffonde pace vera intorno a sé,
il Padre che è nei cieli già lo chiama “figlio mio”.
Chi soffre per amore e sa morire oggi per Lui,
riceve il regno subito e la vita eterna in sé.

Se poi diranno male perché siete amici suoi
sappiate che l’han fatto già con lui prima di voi.

Siate felici, siate felici, siate felici, amen.   

07- BEATI QUELLI

Saran beati, vi dico beati,
perché di essi é il regno dei cieli
Saran beati, vi dico beati,
perché di essi é il regno dei cieli

Beati quelli che poveri sono,
beati quanti son puri di cuore,
beati quelli che vivono in pena,
nell’ attesa di un nuovo mattino.

Beati quelli che fanno la pace,
beati quelli che insegnan l’ amore,
beati quelli che hanno la fame,
e la sete di vera giustizia.

Beati quelli che un giorno saranno,
perseguitati per causa di Cristo,
perché nel cuore non hanno violenza,
ma la forza di questo Vangelo.

08 – BEATI QUELLI CHE ASCOLTANO

Beati quelli che ascoltano la parola di Dio
e la vivono ogni giorno.

La tua parola ha creato l’universo,
tutta la terra ci parla di te Signore.  

La tua parola si è fatta uno di noi,
mostraci il tuo volto Signore.

Tu sei il Cristo, la parola di Dio vivente
che oggi parla al mondo con la Chiesa.

Parlaci della tua verità Signore
ci renderemo testimoni del tuo insegnamento.

09- BEATO CHI MANGIA IL TUO PANE

Beato chi mangia il tuo pane,
al banchetto del cielo.
Beato chi beve il tuo vino,
alla mensa del regno.

Ci doni, Signore, il pane del tuo cielo
e il vino della festa nel tuo regno.

Ci doni, Signore, il pane della vita
e il vino che è bevanda di salvezza.

Ci doni, Signore, il pane dato ai figli
e il vino della cena con gli amici.

Ci doni, Signore, il pane del tuo amore
e il vino della nuova alleanza.

Ci doni, Signore, il pane che hai spezzato
e il vino che per noi hai versato.

Ci doni, Signore, il pane del deserto
e il vino della terra che hai promesso.

Ci doni, Signore, il pane della pasqua
e il vino della nuova pentecoste.

Ci doni, Signore, il pane dei tuoi angeli
e il vino che rallegra il cuore agli umili.

10- CHIESA DI DIO

Chiesa di Dio: popolo in festa,
alleluia, alleluia!
Chiesa di Dio: popolo in festa,
canta di gioia: il Signore è con te.

Dio ti ha scelto, Dio ti chiama,
nel suo amore ti vuole con sé:
spargi nel mondo il suo Vangelo,
seme di pace e di bontà.

Dio ti nutre col suo cibo,
nel deserto rimane con te.
Ora non chiudere il tuo cuore,
spezza il tuo pane a chi non ha.

11- DOVE DUE O TRE

Dove due o tre sono uniti nel mio nome,
io sarò con loro, pregherò con loro, amerò con loro
perché il mondo creda a Te o Padre,
conoscere il tuo amore, avere vita con Te.

Voi che ora siete miei discepoli nel mondo,
siate testimoni, di un amore immenso,
date prova di quella speranza che c’è in voi: coraggio!
Vi guiderò per sempre, io rimango con voi.

Ogni beatitudine vi attende nel mio nome,
se sarete uniti, se sarete pace,
se sarete uniti perché voi vedrete Dio che è pace,
in Lui la nostra vita, gioia piena sarà!

Spirito che animi la chiesa e la rinnovi,
donale fortezza, fa che sia fedele, come Cristo che
muore e risorge, perché il Regno del Padre
si compia in mezzo a voi: abbiate fede in Lui.

12- DOVE VITA È DAVVERO

Cerchi un sorriso negli occhi degli uomini
sogni avventure che il tempo porta con se,
danzi da sempre la gioia di vivere:
hai conosciuto l’uomo,
che ti ha parlato di un tesoro.

E quel tesoro sai cos’è,
è la tua vita nell’amore!
È la gioia di chi annuncia
l’uomo che tornerà
e allora: sciogli i tuoi piedi e va,
tendi le mani e va, dove vita è davvero.

Vivi nel mondo la storia degli uomini,
apri il tuo cuore a chi nel mondo ha chiesto di te;
chiedi emozioni che corrano libere
ed hai creduto all’uomo,
che ti ha parlato di un tesoro.

Canti la pace nei gesti degli uomini,
offri speranze a chi da tempo domanda un perché.
Vivi l’attesa del dono che libera
ed hai amato l’uomo,
che ti ha parlato di un tesoro.

13- GRANDI COSE

Grandi cose ha fatto
il Signore per noi,
ha fatto germogliare fiori tra le rocce.
Grandi cose ha fatto
il Signore per noi,
ci ha riportati liberi alla nostra terra,
ed ora possiamo cantare,
possiamo gridare
l’amore che Dio ha versato su noi.

Tu che sai strappare dalla morte,
hai sollevato il nostro viso dalla polvere,
Tu che hai sentito il nostro pianto,
nel nostro cuore hai messo
un seme di felicità.

14 -I CIELI NARRANO

I cieli narrano la gloria di Dio
e il firmamento annuncia l’opera sua.
Alleluia, alleluia, alleluia, alleluia.

Il giorno al giorno ne affida il messaggio,
la notte alla notte ne trasmette notizia,
non è un linguaggio non sono parole,
di cui non si oda il suono.

Là pose una tenda per il sole che sorge,
e come uno sposo dalla stanza nuziale,
esulta come un prode che corre
con gioia la sua strada.

Lui sorge dall’ultimo estremo del cielo
e la sua corsa l’altro estremo raggiunge.
Nessuna delle creature potrà
mai sottrarsi al suo calore.

15 – IL DISEGNO

Nel mare del silenzio una voce si alzò,
da una notte senza confini una luce brillò.
Dove non c’era niente, quel giorno.

Avevi scritto già,
il mio nome lassù nel cielo.
Avevi scritto già,
la mia vita insieme a te:
avevi scritto già di me.

E quando la tua mente fece splendere le stelle,
e quando le tue mani modellarono la terra.
Dove non c’era niente, quel giorno.

E quando hai calcolato la profondità del cielo,
e quando hai colorato ogni fiore sulla terra.
Dove non c’era niente, quel giorno.

E quando hai disegnato le nubi e le montagne,
e quando hai disegnato il cammino di ogni uomo.
L’avevi fatto anche per me.

Se ieri non sapevo oggi ho incontrato te
e la mia libertà è il tuo disegno su di me.
Non cercherò più niente perché,
tu mi salverai.

16 – IN QUESTO PANE CI SEI TU

In questo pane ti riconosciamo,
in questo pane ci sei Tu!
I nostri occhi adesso vedono.
In questo pane ci sei Tu!

E in quel giorno Tu parlasti a noi…
Non ci ardeva forse il cuore
non ci ardeva il cuore.
Duri nel comprendere, che eri Tu Signore
ma poi sei rimasto con noi.

E quella sera un gesto che sapevamo già…
spezzi il pane e a noi lo doni,
per noi spezzi il pane,
gioia nel vederti: eri Tu Signore
ma poi ti allontani da noi.

E con in cuore quella novità ritornammo dai fratelli,
ritornammo poi per gridare l’amore,
che sei Tu Signore,
e poi grande pace su di noi.

LAUDATO SII

Laudato sii, o mi’ Signore. Laudato sii, o mi’ Signore.
Laudato sii, o mi’ Signore. Laudato sii, o mi’ Signore.

E per tutte le tue creature, per il sole e per la luna,
per le stelle e per il vento e per l’acqua e per il fuoco.

Per sorella madre terra, ci alimenta e ci sostiene,
per i frutti, i fiori e l’erba, per i monti e per il mare.

Perché il senso della vita è cantare e lodarti
e perché la nostra vita sia sempre una canzone.

E per quelli che ora piangono e per quelli che ora soffrono
e per quelli che ora nascono e per quelli che ora muoiono.

17 – LO SPIRITO DEL SIGNORE È SU DI ME

Lo Spirito del Signore è su di me,
lo Spirito del Signore mi ha consacrato,
lo Spirito del Signore mi ha inviato
a portare il lieto annuncio ai poveri.

A fasciare le piaghe dei cuori spezzati,
a proclamare la libertà degli schiavi,
a promulgare l’anno di grazia del Signore;
e per consolare tutti gli afflitti,
dando loro una corona,
olio di gioia, canto di lode, invece di lutto e di dolore.

Essi si chiameranno querce di giustizia,
la piantagione gradita al Signore,
segno per tutti della sua gloria;
e ricostruiranno le vecchie rovine,
rialzeranno gli antichi ruderi,
restaureranno città desolate e devastate da più generazioni.

Ed essi saranno chiamati sacerdoti del Signore,
saranno detti ministri del nostro Dio
e dalle nazioni saranno serviti;
ed essi godranno le loro ricchezze,
trarranno vanto dai loro beni,
avranno gloria e non vergogna,
grida di gioia e non di oppressione.

18 – LUCE DI VERITA’

Luce di verità, fiamma di carità, vincolo di unità, Spirito Santo Amore.
Dona la libertà, dona la santità, fa’ dell’umanità il tuo canto di lode.

Tu nella brezza parli al nostro cuore: ascolteremo, Dio, la tua parola;
ci chiami a condividere il tuo amore: ascolteremo, Dio, la tua parola.

Ci poni come luce sopra un monte; in noi l’umanità vedrà il tuo volto
Ti testimonieremo fra le genti: in noi l’umanità vedrà il tuo volto.

Cammini accanto a noi lungo la strada, si realizzi in noi la tua missione.
Attingeremo forza dal tuo cuore, si realizzi in noi la tua missione.

Come sigillo post sul tuo cuore, ci custodisci, Dio, nel tuo amore.
Hai dato la tua vita per salvarci, ci custodisci, Dio, nel tuo amore.

Dissiperai le tenebre del male, esulterà in te la creazione.
Vivremo al tuo cospetto in eterno, esulterà in te la creazione.

19 – MANNA DI LUCE

Dal cielo sei disceso come manna di luce,
in croce sei salito come agnello di pace:
il tuo corpo è per noi il pane della vita,
il tuo sangue è per noi il vino della gioia.

Quando gelida è la terra e indurito il nostro cuore,
tu ci doni il tuo corpo e rinnovi col tuo amore.

Quando tutto è deserto e il fratello uno straniero,
tu ci doni il tuo corpo per donare amor sincero.

Quando l’odio e il rancore rende cieco ogni uomo,
tu ci doni il tuo corpo e risplende il tuo perdono.

Quando l’uomo è muto e triste, tormentato dal suo pianto,
tu ci doni il tuo corpo per ridare al cuore il canto

20 – MARIA, SEI L’UNICO FIORE

Maria, sei l’unico fiore, nato dall’umanità.
Tu ci sai capire, da te ogni grazia verrà.
Maria, sei piena di Dio, mai abbastanza di te si dirà.

Ave, Maria! Ave! Di Dio sei il paradiso, Ave!

Maria, tu sei la Madre, sul tuo silenzio Iddio parlò.
Il tuo cuore come fortezza, porto sicuro per noi sarà.
Maria, in te c’è la vita, tutto il creato di te canterà.

21 – MARIA, VOGLIAMO AMARTI

Maria, Maria, Maria, Maria.
Siamo tutti tuoi e vogliamo amarti
come nessuno ti ha amato mai!

Con te sulla nostra via, il nostro cammino e sicuro.
Con te, ogni passo conduce alla mèta,
e anche nella notte tu ci sei vicina,
trasformi ogni timore in certezza.

22 – OGGI CI HAI CHIAMATI

Oggi, Signore, nella tua casa tu ci hai chiamati,
con gioia veniamo, con gioia cantiamo,
con gioia noi preghiamo.
Accanto all’altare uniti saremo,
noi siamo la chiesa di Dio.

Oggi è festa, Signore, è il giorno più bello
per poterci incontrare insieme a te.
com’è bello, signore, sentirsi fratelli
e dirti che siamo felici con te.

Tu ci chiami, Signore, a crescere in te,
ad essere tuoi figli nel tuo amore.
com’è bello, signore, fare festa con te
e scoprire che un padre sei per noi. rit.

Questa chiesa, Signore, è la nostra dimora,
perché sia rinnovata noi preghiamo.
com’è bello, signore, cantare per te,
lodare il tuo amore nella gioia.

23- PANE DEL CIELO

Pane del cielo, sei tu Gesù,
via d’amore: Tu ci fai come Te.

No, non è rimasta fredda la terra:
Tu sei rimasto con noi, per nutrirci di Te,
Pane di vita, ed infiammare col tuo amore, tutta l’umanità.

Si, il cielo è qui su questa terra:
Tu sei rimasto con noi, ma ci porti con Te,
nella tua casa, dove vivremo insieme a Te, tutta l’eternità.

No, la morte non può farci paura:
Tu sei rimasto con noi, e chi vive di Te, vive per sempre,
sei Dio con noi, sei Dio per noi, Dio in mezzo a noi.

24- PANE DI VITA

Pane di vita sei spezzato per tutti noi
chi ne man_gia per sempre in Te vivrà.
Veniamo al Tuo santo altar,
mensa del Tuo amor,
come pane vieni in mezzo a noi.

Il Tuo corpo ci sazierà, il Tuo sangue ci salverà,
perché Signor, Tu sei morto per amore
e ti offri oggi per noi.
Il Tuo corpo ci sazierà, il Tuo sangue ci salverà,
perché Signor, Tu sei morto per amore
e ti offri oggi per noi.

Fonte di vita sei, immensa carità,
il Tuo sangue ci dona l’eternità.
Veniamo al Tuo santo altar,
mensa del Tuo amor,
come vino vieni in mezzo a noi.

PREGHIERA

Signore io ti prego con il cuore
La mia vita voglio offrire in mano a te
Voglio solamente te servire
Ed amare come hai amato tu

Fammi diventare amore,
segno della tua libertà
Fammi diventare amore,

segno della tua verità

Signore io ti prego con il cuore
Rendi forte la mia fede più che mai
Dammi tu la forza per seguirti
E per camminare sempre insieme a te

Signore io ti prego con il cuore
Dammi sempre la tua fedeltà
Fa ch’io possa correre nel mondo
E cantare a tutti la tua libertà

25 – PREGHIERA A MARIA

Maria, tu che hai atteso nel silenzio, la sua Parola per noi.

Aiutaci ad accogliere il Figlio Tuo che ora vive in noi.

Maria tu che sei stata così docile,
davanti al Tuo Signor.

Maria, tu che hai portato dolcemente,
l’immenso dono d’amor.

Maria, tu che umilmente hai sofferto,
del suo ingiusto dolore.

Maria, tu che ora vivi nella gloria,
insieme al Tuo Signore.

26 – QUELLO CHE ABBIAMO UDITO

Quello che abbiamo udito,
quello che abbiam veduto,
quello che abbiam toccato,
dell’amore infinito, lo annunciamo a voi.

Grandi cose ha fatto il Signore! Del suo amore vogliamo parlare
Dio Padre il suo Figlio ha donato,
sulla croce l’abbiamo veduto.

In Gesù tutto il cielo si apre,
ogni figlio conosce suo Padre,
alla vita rinasce ogni cosa
e l’amore raduna la Chiesa.

Nello Spirito il mondo è creato
e si apre al suo dono infinito;
il fratello al fratello da mano
per aprire un nuovo cammino.

Viene il regno di Dio nel mondo
e l’amore rivela il suo avvento;
come un seme germoglia nell’uomo
che risponde all’invito divino.

27- SALVE REGINA

Salve regina, Madre di misericordia,
vita, dolcezza, speranza nostra, salve! Salve Regina

A Te ricorriamo, esuli figli di Eva,
a Te sospiriamo piangenti in questa valle di lacrime!

Avvocata nostra volgi a noi gli occhi Tuoi,
mostraci dopo questo esilio il frutto del Tuo seno Gesù!

Salve regina, Madre di misericordia,
O clemente o pia o dolce vergine Maria.

Salve regina, salve regina, salve, salve.

* * *

Salve, Regina, Mater misericordiae,
vita, dulcedo, et spes nostra, salve.
Ad te clamamus, exsules filii Evae,
ad te suspiramus, gementes et flentes
in hac lacrimarum valle.
Eia ergo, advocata nostra, illos tuos
misericordes oculos ad nos converte.
Et Jesum, benedictum fructum ventris tui,
nobis, post hoc exilium, ostende.
O clemens, O pia, O dulcis Virgo Maria.

28- SEI TU, SIGNORE, IL PANE

Sei Tu, Signore, il pane, Tu cibo sei per noi.
Risorto a vita nuova, sei vivo in mezzo a noi.

Nell’ultima sua cena Gesù si dona ai suoi:
“prendete pane e vino, la vita mia per voi”.

Mangiate questo pane, chi crede in me vivrà.
Chi beve il vino nuovo, con me risorgerà.

È Cristo il pane vero, diviso qui tra noi.
Formiamo un solo corpo e Dio sarà con noi.

Se porti la tua croce, in Lui tu regnerai.
Se muori unito a Cristo, con Lui rinascerai.

Verranno cieli nuovi, la terra fiorirà.
Vivremo da fratelli, la Chiesa è carità.

29- SERVIRE E’ REGNARE

Guardiamo a te che sei Maestro e Signore
Chinato a terra stai, ci mostri che l′amore
È cingersi il grembiule, sapersi inginocchiare
Ci insegni che amare è servire.

Fa che impariamo, Signore da te
Chi è più grande e chi più sa servire
Chi si abbassa e chi si sa piegare
Perché grande è soltanto l’amore.

E ti vediamo poi, Maestro e Signore
Che lavi i piedi a noi, che siamo tue creature
E cinto del grembiule che manto tuo regale
Ci insegni che servire è regnare.

30 – SONO CON VOI

Sono con voi, dice il Signore, per tutti i giorni Io resterò
e non temete sono con voi, mai da soli vi lascerò.

Come il seme che muore, mi sono offerto al mondo
perché sul trono della croce, ho vinto la morte.

Chi vive in Me ed io in lui, fa molto frutto,
perché senza di me, non potete far nulla.

Cielo e terra passeranno, ma non le mie parole,
questo ho detto perché in voi, la gioia sia piena.

31- TE AL CENTRO DEL MIO CUORE

Ho bisogno di incontrarti nel mio cuore, di trovare Te,
di stare insieme a Te, unico riferimento del mio andare,
unica ragione Tu, unico sostegno Tu.
Al centro del mio cuore ci sei solo Tu.

Anche il cielo gira intorno e non ha pace,
ma c’è un punto fermo è quella stella là.
La stella polare è fissa ed è la sola,
la stella polare Tu, la stella sicura Tu.
Al centro del mio cuore ci sei solo Tu.

Tutto ruota attorno a Te, in funzione di te
e poi non importa il “come”, il “dove” e il “se”.

Che tu splenda sempre al centro del mio cuore,
il significato allora sarai Tu,
quello che farò sarà soltanto amore.
Unico sostegno Tu, la stella polare Tu.
Al centro del mio cuore ci sei solo Tu.

32 – TRASFORMI IN GESÙ

Nella terra baciata dal sole lavorata dall’umanità
nasce il grano ed un pezzo di pane che Gesù sull’altare si fa.

Nelle vigne bagnate di pioggia dal sudore dell’umanità
nasce l’uva ed un sorso di vino che Gesù sull’altare si fa.

Con la vita di tutta la gente noi l’offriamo a te,
Padre e Signore, il dolore e la gioia del mondo
tu raccogli e trasformi in Gesù.

33 – TU SEI

Tu sei la via, la verità, sei la vita tu,
Signore di ogni uomo,
Dio nostro salvatore.
Tu puoi guidarci, tu puoi svelarci
la vita vera insieme a te.

Se avessi tutte le ricchezze della terra
e mancassi proprio tu, che ricchezze avrei?
Ma tu sei venuto per donarci la bellezza
di una vita nuova che in te risplenderà.

E se anche io cercassi la felicità,
ma chiudessi il cuore a te, quale gioia avrei?
E tu sai colmare ogni desiderio mio
con la tua presenza che mi rinnova già.

E se io sentissi la dolcezza del tuo amore,
ma restasse chiusa in me, cosa ne farei?
Tu ci inviti a mostrare al mondo la potenza
del tuo amore grande che offri a tutti noi.

La vita vera insieme a te.
La vita vera insieme a te.

34 – VERBUM PANIS

Prima del tempo prima ancora che la terra
cominciasse a vivere il Verbo era presso Dio.
Venne nel mondo e per non abbandonarci
in questo viaggio ci lasciò tutto se stesso come pane.

Verbum caro factum est. Verbum panis factum est.
Verbum caro factum est. Verbum panis factum est.

Qui spezzi ancora il pane in mezzo a noi
e chiunque mangerà non avrà più fame.

Qui vive la tua chiesa intorno a te
dove ognuno troverà la sua vera casa.

Verbum caro factum est. Verbum panis factum est.
Verbum caro factum est. Verbum panis.

Prima del tempo quando l’universo fu creato
dall’oscurità il Verbo era presso Dio.
Venne nel mondo nella sua misericordia
Dio ha mandato il Figlio suo tutto se stesso come pane.

35 – VERSO L’ALTARE

Verso l’altare, pane che è dono, una briciola del mondo,
l’universo attraverso noi, viene verso Te, viene verso Te.

Tutto il creato ritorna all’Unico, in Te vuole vivere,
prendici Tu nel tuo fuoco limpido,
nel tuo amore, nel tuo amore.

Verso l’altare, vino che è dono, una goccia sulla terra,
l’universo attraverso noi, viene verso Te, viene verso Te.

MESSA – PREGHIERE

1 – RITI INIZIALI

2 – LETTURE

3 – CREDO

4 – PREGHIERA DEI FEDELI

5 – PADRE NOSTRO

6 – ALLA COMUNIONE

7 – PREGHIERE DAVANTI ALL’EUCARISTIA

8 – APPROFONDIMENTI

09 AVVISI

 

1 – RITI INIZIALI

LITANIE DEI SANTIFICATI NEL BATTESIMO

Signore pietà / Cristo pietà / Signore pietà

Padre, fonte della vita      
pietà di noi
Figlio, Parola fatta carne
Spirito Santo, Fuoco dell’amore                                

Trinità santa che abiti nei cuori                                 
pietà di noi
Maria, Vergine Madre di Dio                                      
prega per noi
San Giuseppe, Sposo di Maria                                  

Giovanni Battista, precursore di Cristo                       
prega per noi
Santi sposi Gioacchino e Anna
pregate per noi
Santi sposi Zaccaria ed Elisabetta,

Pietro, salda roccia della Chiesa
prega per noi
Paolo, apostolo del Risorto
Santi sposi Aquila e Priscilla,
collaboratori apostolici     
pregate per noi

Marco, maestro dei catecumeni
prega per noi
Giovanni, testimone della vita nuova
Ignazio, frumento di Cristo

Cosma e Damiano, guaritori degli infermi                    
pregate per noi
Monica, feconda nelle lacrime                                   
prega per noi
Agostino, inquieto cercatore di Dio

Benedetto, guida sulla via del Vangelo
Francesco e Antonio, serafica immagine di Cristo         
pregate per noi
Chiara, amante dell’Eucaristia, 
prega per noi

Domenico, predicatore della verità contemplata
Tommaso, mente assorta nel Mistero di Dio                
Cirillo e Metodio, apostoli dei popoli slavi                    
pregate per noi

Nicola, segno d’unione tra Oriente e Occidente               
prega per noi
Francesco Saverio, missionario dell’Oriente
Giovanni Maria Vianney, parroco testimone del perdono

Rita da Cascia, mite vedova e serva di Dio        
Tommaso Moro, sposo martire per la Chiesa               
Luigi e Zelia Martin, sposi, genitori di santa Teresa         
pregate per noi

Giovanna Beretta Molla, madre che dà la vita              
prega per noi
Oscar Romero, amico degli oppressi
Madre Teresa di Calcutta, dono per i più poveri

Giovanni ventitreesimo (XXIII), papa buono
Paolo sesto (VI), via dello Spirito
Giovanni Paolo secondo (II), profeta dei tempi nuovi

Francesco e Giacinta di Fatima,
pregate per noi
Nunzio Sulprizio, operaio innamorato di Dio                
prega per noi
Beata Carlo Acutis, innamorato di Dio

Voi tutti giusti d’Israele                                           
pregate per noi
Voi tutti santi della Chiesa
Voi tutti servi beati di Dio

GLORIA A DIO
nell’alto dei cieli
e pace in terra agli uomini
amati dal Signore

Noi ti lodiamo, ti benediciamo,
ti adoriamo, ti glorifichiamo,
ti rendiamo grazie
per la tua gloria immensa,
Signore Dio, Re del cielo,
Dio Padre onnipotente.

Gloria a Dio…

Signore, Figlio unigenito,
Gesù Cristo.
Signore Dio, Agnello di Dio,
Figlio del Padre;
Tu che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi,
Tu che togli i peccati del mondo
accogli la nostra supplica;
Tu che siedi
alla destra di Dio Padre,
abbi pietà di noi

Gloria a Dio…

Perchè Tu solo il Santo,
Tu solo il Signore,
Tu solo l’Altissimo, Gesù Cristo.
Con lo Spirito Santo
Nella gloria di Dio Padre,
AMEN

PREGHIAMO
Dio onnipotente ed eterno,
che ci doni la gioia di celebrare in un’unica festa
i meriti e la gloria di tutti i Santi, concedi al tuo popolo,
per la comune intercessione di tanti nostri fratelli,
l’abbondanza della tua misericordia.
Per il nostro Signore Gesù Cristo…

2 – LETTURE

Prima Lettura

Dopo queste cose vidi: ecco, una moltitudine immensa, che nessuno poteva contare, di ogni nazione, tribù, popolo e lingua.
Ap 7,2-4.9-14

DAL LIBRO DELL’APOCALISSE DI SAN GIOVANNI APOSTOLO
Io, Giovanni, vidi salire dall’oriente un altro angelo, con il sigillo del Dio vivente. E gridò a gran voce ai quattro angeli, ai quali era stato concesso di devastare la terra e il mare: «Non devastate la terra né il mare né le piante, finché non avremo impresso il sigillo sulla fronte dei servi del nostro Dio».
E udii il numero di coloro che furono segnati con il sigillo: centoquarantaquattromila segnati, provenienti da ogni tribù dei figli d’Israele.
Dopo queste cose vidi: ecco, una moltitudine immensa, che nessuno poteva contare, di ogni nazione, tribù, popolo e lingua. Tutti stavano in piedi davanti al trono e davanti all’Agnello, avvolti in vesti candide, e tenevano rami di palma nelle loro mani. E gridavano a gran voce: «La salvezza appartiene al nostro Dio, seduto sul trono, e all’Agnello».
E tutti gli angeli stavano attorno al trono e agli anziani e ai quattro esseri viventi, e si inchinarono con la faccia a terra davanti al trono e adorarono Dio dicendo: «Amen! Lode, gloria, sapienza, azione di grazie, onore, potenza e forza al nostro Dio nei secoli dei secoli. Amen».
Uno degli anziani allora si rivolse a me e disse: «Questi, che sono vestiti di bianco, chi sono e da dove vengono?». Gli risposi: «Signore mio, tu lo sai». E lui: «Sono quelli che vengono dalla grande tribolazione e che hanno lavato le loro vesti, rendendole candide nel sangue dell’Agnello».
Parola di Dio.
 

Salmo Responsoriale
Dal Sal 23 (24)

ECCO LA GENERAZIONE CHE
CERCA IL TUO VOLTO, SIGNORE.

Del Signore è la terra e quanto contiene:
il mondo, con i suoi abitanti.
È lui che l’ha fondato sui mari
e sui fiumi l’ha stabilito. 
 
Chi potrà salire il monte del Signore?
Chi potrà stare nel suo luogo santo?
Chi ha mani innocenti e cuore puro,
chi non si rivolge agli idoli. 
 
Egli otterrà benedizione dal Signore,
giustizia da Dio sua salvezza.
Ecco la generazione che lo cerca,
che cerca il tuo volto, Dio di Giacobbe. 
 

Seconda Lettura

Vedremo Dio così come egli è.
1Gv 3,1-3

DALLA PRIMA LETTERA DI SAN GIOVANNI APOSTOLO
Carissimi, vedete quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente! Per questo il mondo non ci conosce: perché non ha conosciuto lui.
Carissimi, noi fin d’ora siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato. Sappiamo però che quando egli si sarà manifestato, noi saremo simili a lui, perché lo vedremo così come egli è.
Chiunque ha questa speranza in lui, purifica se stesso, come egli è puro.
Parola di Dio.

Beato Carlo Acutis (1991-2006)

Acclamazione al Vangelo

Alleluia, alleluia.
Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi,
e io vi darò ristoro. (Mt 11,28)

Vangelo

Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli.
Mt 5,1-12a

DAL VANGELO SECONDO MATTEO
In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:
«Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che sono nel pianto,
perché saranno consolati.
Beati i miti,
perché avranno in eredità la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli».
Parola del Signore.

 

 

3 – PROFESSIONE DI FEDE

CREDO – SIMBOLO APOSTOLICO

     Io credo in Dio
Padre onnipotente,
creatore del cielo e della terra;
     e in Gesù Cristo,
suo unico Figlio,
nostro Signore,
il quale fu concepito
di Spirito Santo,
nacque da Maria Vergine,
patì sotto Ponzio Pilato,
fu crocifisso, morì e fu sepolto;
discese agli inferi;
il terzo giorno risuscitò da morte;
salì al cielo, siede alla destra
di Dio Padre onnipotente;
di là verrà a giudicare
i vivi e i morti.
     Credo nello Spirito Santo,
la Santa Chiesa cattolica,
la comunione dei santi,
la remissione dei peccati,
la risurrezione della carne,
la vita eterna.
Amen

CREDO – Niceno costantinopolitano

Credo in un solo Dio,
Padre onnipotente,
Creatore del cielo e della terra,
di tutte le cose visibili e invisibili.

Credo in un solo Signore,
Gesù Cristo,
unigenito Figlio di Dio,
nato dal Padre
prima di tutti i secoli:
Dio da Dio, Luce da Luce,
Dio vero da Dio vero,
generato, non creato,
della stessa sostanza del Padre;
per mezzo di lui tutte le cose
sono state create.
Per noi uomini
e per la nostra salvezza
discese dal cielo,
e per opera dello Spirito Santo
si è incarnato
nel seno della Vergine Maria
e si è fatto uomo.
Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato,
mori e fu sepolto.
Il terzo giorno è risuscitato,
secondo le Scritture,
è salito al cielo,
siede alla destra del Padre.
E di nuovo verrà, nella gloria,
per giudicare i vivi e i morti,
e il suo regno non avrà fine.

Credo nello Spirito Santo,
che è Signore e dà la vita,
e procede dal Padre e dal Figlio.
Con il Padre e il Figlio
è adorato e glorificato,
e ha parlato
per mezzo dei profeti.

Credo la Chiesa,
una santa cattolica e apostolica.
Professo un solo Battesimo
per il perdono dei peccati.
Aspetto la risurrezione dei morti
e la vita del mondo che verrà.
Amen.

 

4 – Preghiera dei fedeli

INTRODUZIONE DEL SACERDOTE

Fratelli e sorelle, la preghiera degli umili attraversa i cieli e giunge al trono di Dio, portata dallo stesso Gesù Cristo. In questa domenica, insieme al gruppo dei bambini di prima comunione, che noi crediamo umili di cuore, ti presentiamo preghiere e suppliche, dicendo:

TU SEI LA VIA DELLA SANTITÁ – ASCOLTACI O SIGNORE!

Lettore

–– Gesù dice: Beati i poveri in spirito. Perché ogni credente sappia sempre riconoscersi bisognoso dell’aiuto e del sostegno che viene dal cielo. Preghiamo.

–– Il Signore ha promesso: Beati i miti. Per tutti coloro che si impegnano a costruire relazioni significative, in particolari per i genitori e gli educatori il personale sanitario e di assistenza, con delicatezza e nel rispetto del più debole. Preghiamo.

TU SEI LA VIA DELLA SANTITÁ – ASCOLTACI O SIGNORE!

–– Il Maestro ha detto: Beati coloro che hanno fame e sete della giustizia. Per tutti coloro che pagano un caro prezzo nell’amministrazione della società civile in questo tempo di emergenza. Preghiamo.

–– Gesù dice: Beati i puri di cuore. Per i bambini ed i ragazzi in mezzo a noi sappiano leggere la vita alla luce della fede e pongano la loro speranza nella Provvidenza. Preghiamo.

TU SEI LA VIA DELLA SANTITÁ – ASCOLTACI O SIGNORE!

–– Il Signore ha promesso: Beati voi quando vi perseguiteranno. Per chi sopporta discriminazioni e accuse per il proprio impegno per un mondo nuovo. Preghiamo.

– Per i bambini che hanno celebrato la Prima Comunione alla Mensa del Signore e le loro famiglie: siano pieni di gioia per l’amicizia ed il sostegno di Gesù Risorto. Preghiamo.

PREGHIERA PER LA TRASMISSIONE DELLA FEDE

(SOLO) Signore Gesù,
vogliamo ripartire da Te!

(TUTTI) Tu che sei il CENTRO
di tutta la nostra vita,
Tu che sei il CUORE
della nostra fede,
Tu che sei il MOTIVO
della nostra speranza,
aiutaci ad essere INSIEME,
una COMUNITA’ ACCOGLIENTE,

(SOLO)
dove i grandi accolgono i piccoli
e i piccoli accolgono i grandi;
i pastori accolgono le famiglie
e le famiglie accolgono i pastori;
i catechisti accolgono
genitori e figli
e i genitori accolgono
i catechisti.

(TUTTI)
Aiutaci ad essere INSIEME,
una COMUNITA’ EDUCANTE
che accompagna i piccoli all’incontro con Te.
Pastori, genitori, operatori pastorali INSIEME
per educare, annunciare, sostenere e guidare
i nostri figli verso il CENTRO
che sei Tu, o CRISTO,
amico dei piccoli e dei grandi.

(SOLO)
Non vogliamo delegare nessuno,
ma vogliamo
CAMMINARE INSIEME
per scoprire quanto TU CI AMI
e raccontare agli altri
la bellezza della Tua presenza.

(TUTTI) Signore Gesù,
vogliamo ripartire da Te!
AMEN.

RACCOLTA PER LE MISSIONI, domenica 24 ottobre: € 420,00. GRAZIE!


================= 0000000000000 ==================

COLLABORA ALLA VITA DELLA TUA CHIESA, A SERVIZIO DEGLI ALTRI, FIRMANDO PER L’8perMILLE ALLA CHIESA CATTOLICA.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image-9-1024x555.png

La nostra Parrocchia, nel 2019 e 2020, ha ricevuto dall’8perMILLE della Chiesa Cattolica 200,000,00 € per i lavori! Grazie a tutti quelli che firmano per !a Chiesa Cattolica.Torna su

5 – PADRE NOSTRO

Padre nostro che sei nei cieli
sia santificato il tuo nome
venga il tuo regno
sia fatta la tua volontà
come in cielo così in terra.

Dacci oggi
il nostro pane quotidiano
e rimetti a noi i nostri debiti
come anche noi
li rimettiamo ai nostri debitori
e non abbandonarci
alla tentazione
ma liberaci dal male.Torna su

6 – ALLA COMUNIONE

Il sacerdote prende l’ostia e tenendola un po’ sollevata sulla patena o sul calice, rivolto al popolo, dice ad alta voce:
ECCO L’AGNELLO DI DIO,
ECCO COLUI CHE TOGLIE

I PECCATI DEL MONDO.
BEATI GLI INVITATI

ALLA CENA DELL’AGNELLO.

E continua, dicendo insieme con il popolo:
O SIGNORE,
NON SONO DEGNO
DI PARTECIPARE
ALLA TUA MENSA,
MA DI’ SOLTANTO
UNA PAROLA
E IO SARÒ SALVATO.

Dopo la comunione

O Dio, unica fonte di ogni santità,
mirabile in tutti i tuoi Santi,
fa’ che raggiungiamo anche noi
la pienezza del tuo amore,
per passare da questa mensa,
che ci sostiene nel pellegrinaggio terreno,
al festoso banchetto del cielo.
Per Cristo nostro Signore.

7 – PREGHIERE DAVANTI ALL’EUCARISTIA

Dice il Signore (Gv 14, 27)
“Vi lascio la pace,
vi dò la mia pace,
non come la dà il mondo,
io la dò a voi.
Non sia turbato il vostro cuore
e non abbia timore.”

Dice il Signore (Gv 15, 4)
“Rimanete in me e io in voi.
Come il tralcio
non può far frutto da se stesso
se non rimane nella vite,
così anche voi
se non rimanete in me.”

Anima di Cristo, santificami.
Corpo di Cristo, salvami.
Sangue di Cristo, inebriami.
Acqua del costato di Cristo, lavami.
Passione di Cristo, confortami.
O buon Gesù, esaudiscimi.
Dentro le tue piaghe nascondimi.
Non permettere
ch’io mi separi da te.
Dal nemico maligno difendimi.
Nell’ora della mia morte chiamami.
Fa’ che io venga a te,
a lodarti con i tuoi santi,
nei secoli dei secoli. Amen.

O Signore, fa’ di me
uno strumento della tua pace.
Dov’è l’odio, fa’ che io porti l’amore.
Dov’è offesa, che io porti il perdono.
Dov’è discordia, che io porti l’unione.
Dov’è dubbio, che io porti la fede.
Dov’è errore, che io porti la verità.
Dov’è disperazione, che io porti la speranza.
Dov’è tristezza, che io porti la gioia.
Dove sono le tenebre, che io porti la luce.
O Signore, fa’ che io non cerchi tanto
di essere consolato quanto di consolare;
di essere compreso, quanto di comprendere;
di essere amato, quanto di amare.
Poiché donando, si riceve;
perdonando, si è perdonati;
morendo, si risuscita a vita eterna.

Dio sia benedetto.
Benedetto il suo santo nome.
Benedetto Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo.
Benedetto il nome di Gesù.
Benedetto il suo
sacratissimo Cuore.
Benedetto il suo
preziosissimo Sangue.
Benedetto Gesù nel santissimo
Sacramento dell’altare.
Benedetto lo Spirito Santo Paraclito.
Benedetta la gran Madre di Dio, Maria santissima.
Benedetta la sua santa e immacolata concezione.
Benedetta la sua
gloriosa assunzione.
Benedetto il nome di Maria, vergine e madre.
Benedetto san Giuseppe,
suo castissimo sposo.
Benedetto Dio nei suoi angeli
e nei suoi santi.Torna su

8 – APPROFONDIMENTI

La fede di Bartimeo

di Roberto Laurita

Di regole e di comandamenti ce n’erano molti. Alcuni erano antichi, venerabili, enunciati da Dio stesso; altri dichiaratamente più recenti e di chiara provenienza umana, tradizioni che recavano il marchio di un’epoca, di una cultura, di una saggezza particolare.

Ecco perché la domanda dello scriba è legittima: le centinaia di prescrizioni a cui dobbiamo attenerci sono tutte uguali per importanza o ce n’è qualcuna che conta di più, che occupa addirittura il primo posto?

La risposta offerta da Gesù non ha nulla di originale. Il primo, tratto dal Deuteronomio (6,4-5), è un testo notissimo, che tutti gli ebrei di ieri e di oggi imparano a memoria e con il quale pregano più volte al giorno. Il secondo è ripreso dal libro del Levitico (19,18).

Che cosa scopriamo di particolare in essi? Appare chiaro che entrambi non vogliono lasciarci nell’incertezza, nell’indeterminazione.

Non si è invitati ad “amare Dio” quanto, quando, come e dove lo decidiamo noi. Non è un amore generico, o lasciato al nostro piacimento, quello che Dio si attende. Deuteronomio dice: «Con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forze». E la formula vuol già essere onnicomprensiva, evocare tutto l’essere umano: i suoi desideri, la sua volontà, le sue energie, le sue scelte, i suoi atteggiamenti. Ma Gesù aggiunge anche la «mente» che lo scriba riprende con «intelligenza». Si tratta di un particolare che non vorremmo ignorare perché ci ricorda che si ama anche con la testa, non solo con il cuore, e che la saggezza vera, che orienta l’amore, viene da Dio, dalla sua Parola che dobbiamo leggere, intendere, meditare e, soprattutto, vivere. Dio ci chiede di essere amato non con gli scampoli, le frattaglie, gli spazi liberi della nostra esistenza, ma con tutti noi stessi, con tutto ciò che fa parte

della nostra vita. Nello zaino che portiamo con noi, dunque, a Dio non è riservato un angolino, accanto a tutto il resto, ma egli è la bussola che orienta il nostro percorso, la carta geografica che ci mostra il cammino, la luce che guida i nostri passi.

Il secondo comandamento vuol essere anch’esso preciso nel tracciare la traiettoria. Non si tratta neanche qui solamente di amare il prossimo, ma si vuole offrire un punto di riferimento che è al contempo la misura e la giustificazione. Ama il prossimo come te stesso, come ami la tua esistenza, disposto sempre a custodirla, a farla crescere, a difenderla, a sostenerla. E insieme: ama il prossimo perché è come te, ha i tuoi stessi diritti, i tuoi stessi sogni, i tuoi stessi bisogni e desideri.

Per Gesù, in ogni caso, i due comandamenti non possono essere opposti tra di loro: sono tenacemente uniti a doppio filo.

La domanda di quello scriba è sensata:
nel cumulo delle prescrizioni
è necessario trovare un punto di riferimento,
cogliere ciò che è essenziale
per orientare il nostro comportamento.
La risposta, Gesù, tu la fornisci senza difficoltà
perché la Scrittura offre la soluzione:
Ama il Signore Dio tuo…
Ama il prossimo tuo…

Ma tu ci aggiungi qualcosa
di perfettamente nuovo, di inedito.
Tu metti insieme, unisci strettamente
le due lampade del nostro cammino
in un’unica, fortissima fiamma.
Così, in un colpo solo, tu spazzi via
tanti inutili dilemmi
che sembrano opporre Dio e il prossimo,
tante domande retoriche,
tanti problemi inesistenti,
che nascono da una visione contorta
delle situazioni e delle persone.

No, non c’è alcuna opposizione
tra Dio e il prossimo, perché in fondo,
quando l’amore è autentico,
si tratta dello stesso destinatario.
Il legame vero con Dio
fa cogliere subito le necessità del prossimo,
e l’accoglienza nei confronti
dei piccoli e dei poveri
apre inevitabilmente a colui
che attraverso di te, Gesù,
ci viene incontro come un Padre.

PAPA FRANCESCO – EVANGELII GAUDIUM

275. Nel secondo capitolo abbiamo riflettuto su quella carenza di spiritualità profonda che si traduce nel pessimismo, nel fatalismo, nella sfiducia.
Alcune persone non si dedicano alla missione perché credono che nulla può cambiare e dunque per loro è inutile sforzarsi. Pensano così: “Perché mi dovrei privare delle mie comodità e piaceri se non vedo nessun risultato importante?”.
Con questa mentalità diventa impossibile essere missionari. Questo atteggiamento è precisamente una scusa maligna per rimanere chiusi nella comodità, nella pigrizia, nella tristezza insoddisfatta, nel vuoto egoista.
Si tratta di un atteggiamento autodistruttivo perché « l’uomo non può vivere senza speranza: la sua vita, condannata all’insignificanza, diventerebbe insopportabile ».
Se pensiamo che le cose non cambieranno, ricordiamo che Gesù Cristo ha trionfato sul peccato e sulla morte ed è ricolmo di potenza. Gesù Cristo vive veramente. Altrimenti, « se Cristo non è risorto, vuota è la nostra predicazione » (1 Cor 15,14).
Il Vangelo ci racconta che quando i primi discepoli partirono per predicare, « il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola » (Mc 16,20). Questo accade anche oggi. Siamo invitati a scoprirlo, a viverlo.
Cristo risorto e glorioso è la sorgente profonda della nostra speranza, e non ci mancherà il suo aiuto per compiere la missione che Egli ci affida.

276. La sua risurrezione non è una cosa del passato; contiene una forza di vita che ha penetrato il mondo. Dove sembra che tutto sia morto, da ogni parte tornano ad apparire i germogli della risurrezione. È una forza senza uguali.TORNA SU

09 – AVVISI

Non possiamo non ricordare che, a seguito delle disposizioni delle Autorità competenti, restano vietati gli ASSEMBRAMENTI, sia in chiesa sia nei cortili esterni, non ci si deve fermare, solo attraversare e andare via.

Lunedì 1 novembre, solennità di TUTTI I SANTI: le Messe come alla domenica.

Martedì 2 novembre, ricordo di TUTTI I DEFUNTI: le MESSE alle ore 9,30 ed alle ore 19,00.

Venerdì 5 novembre alle ore 19,45: dalla Assemblea diocesana, incontro con la prof. De Simone e del nostro Arcivescovo.

Ogni sabato alle ore 16.30, la MESSA PER LE FAMIGLIE CON I BAMBINI.

TUTTI I GIORNI FERIALI, dal lunedì al venerdì, la Messa serale è celebrata alle ore 18.30.
IL SABATO ore 19 e LA DOMENICA ore 9 – 11 – 19.


HHHHHHH

La nostra Parrocchia, nel 2019 e 2020, ha ricevuto dall’8perMILLE della Chiesa Cattolica 200,000,00 € per i lavori! Grazie a tutti quelli che firmano per !a Chiesa Cattolica.

 

HHHHHHH

COLLABORA ALLA VITA DELLA TUA CHIESA, A SERVIZIO DEGLI ALTRI, FIRMANDO PER L’8perMILLE ALLA CHIESA CATTOLICA.

La nostra Parrocchia, nel 2019 e 2020, ha ricevuto dall’8perMILLE della Chiesa Cattolica 200,000,00 € per i lavori! Grazie a tutti quelli che firmano per !a Chiesa Cattolica.